Tutorial per cucire un MyMeiTai e un MiniMeiTai

Con questo tutorial potrete realizzare un mei tai identico a quelli che cucivo all’inizio del mio percorso di produttrice. Quelli che trovate in vendita nel mio negozio online sono un po’ diversi, alcune misure sono cambiate, ci sono anche alcuni nuovi accorgimenti dovuti sia all’esperienza che alle richieste, ma anche al nuovo tipo di tessuto (ad armatura diagonale) che utilizzo adesso.

Il mio scopo con questo blog è quello di condividere un’esperienza e di mettere a disposizione le mie conoscenze perché anche altri ne traggano beneficio.

Il mio primo mei tai l’ho realizzato con un tutorial; anche per  il programma che ho usato per creare il logo ho sfruttato un tutorial, idem per creare questo blog. Sono a favore del software libero, del libero scambio di conoscenze e dell’autoproduzione.

ATTENZIONE, però. Tutto il materiale che pubblico in questo sito (tutorial, foto, testi…) è sotto licenza Creative Commons, come potete vedere alla base di ogni pagina. Ciò significa che mi appartiene e, in soldoni per chi non ha voglia di leggersi il link:

1 – se pubblicate qualcosa preso da questo blog siete tenuti a citare la fonte (cioè il mio blog) con un link;

2 – non potete fare un uso commerciale di quello che trovate qui, in pratica non potete usare foto o testi nei vostri siti commerciali, non potete vendere mei tai realizzati seguendo il mio tutorial, non potete vendere questo e-book;

3 – non potete modificare testi o foto o utilizzarli per un vostro progetto.

Per qualsiasi richiesta di eccezione in merito a questo potete contattarmi per ottenere la mia autorizzazione.

Per creare il MyMeiTai e per questo tutorial mi sono ispirata ai tanti tutorial che trovate nel sito di Jan Andrea (in inglese). Oltre ad altre idee per personalizzare il vostro mei tai potrete trovare istruzioni per molte altre creazioni.

Nel rispetto delle regole della Licenza CC siete liberi di scaricare, stampare, diffondere questo mio e-book.

MyMeiTai – Come cucire un mei tai

Con questo tutorial, invece, potrete realizzare facilmente e velocemente un mini Mei Tai, per i vostri bambini che potranno così portare le loro bambole!
Mini MeiTai – Come cucire un mei tai per bambole

Per pubblicare questo e-book nel vostro sito cliccate <> share in alto a destra sulla barra dell’e-book e poi copiate e incollate nel vostro sito il codice “embed”.

Condividi:
  • Print
  • email
  • PDF
  • Add to favorites
  • Facebook
  • Twitter
  • RSS
  • Google Bookmarks
  • Yahoo! Buzz
  • Live
  • MySpace

19 thoughts on “Tutorial per cucire un MyMeiTai e un MiniMeiTai

  1. grazie grazie grazie grazie grazie grazie e ancora grazie da parte mia e del mio bagigio che per merito tuo è sempre comodamente addosso alla sua mamma
    il tutorial è chiarissimo e il risultato comodo da indossare sia per me sia per il portato!

    1. Sono proprio contenta! Per te e per il tuo piccolo! Se riesci (e se vuoi), mi mandi una foto di te e del tuo piccoletto nel mei tai? Mi piacerebbe far vedere i risultati creati da voi…
      Ciao!

  2. Ciao!Ho provato a scaricare l’e-book ma Scribd mi chiede di pagare per averlo, ho provato anche a stamparlo ma richiede la stessa cosa. Volevo sapere se è possibile avere il pdf stampabile via mail.
    Grazie e complimenti!

    1. Adesso dovrebbe essere apposto… ho scoperto che dopo un paio di mesi i libri pubblicati su Scribd finiscono nel loro archivio e possono essere consultati on-line, ma non scaricati se non in cambio di un corrispettivo in denaro o… di un altro libro! Comunque ho potuto richiamarlo fuori dall’archivio e per un altro paio di mesi è scaricabile… poi spero di ricordarmi di rifarlo, altrimenti avvisatemi!

  3. Ciao Tiz, grazie per questo bellissimo tutorial!
    Ho acquistato del cotone e sto iniziando a cucire un mei tai seguendo le tue indicazioni.
    Volevo chiederti 2 cose riguardo alla stoffa.
    1. bagni la stoffa per farla restringere prima di tagliare e cucire?
    2. il cotone spesso da arredamento (tipo quello ikea al metro che ho visto usi ogni tanto per il pannello esterno) va bene per le fasce o è troppo spesso? E per i pannelli? ho preso del cotone di quello spessore per avere un mei tai resistente, ma ora ho il dubbio che venga fuori un mattone…
    Grazie mille e, già che ci siamo, TANTI AUGURI!

    1. Sì, la stoffa (se in fibre naturali) va sempre bagnata prima di usarla perché si restringe. Io preferisco lavarla, poco detersivo ecologico, olii essenziali al posto dell’ammorbidente, perché penso che chi riceve il mei tai lo vuole usare subito e magari ha un bimbo piccolo, quindi è bene che il tessuto sia stato lavato.
      Il cotone Ikea che uso io per i pannelli esterni non è pesantissimo, il problema è che è un po’ rigido. Col tempo si ammorbidisce, ma io te lo sconsiglio per le fasce. Per i pannelli, invece, è ottimo. Il cotone ideale per le fasce è sostenuto, ma morbido. Puoi provare a cercare nei negozi di stoffe per arredamento e chiedere di tessuti per lenzuola, di solito hanno la giusta consistenza. Io ultimamente ho trovato un ottimo cotone doppio ritorto. Generalmente hanno altezze di 240 o 280, quindi te la cavi con 1 metro.
      Se hai bisogno di altro sono qui… intanto Buone Feste a te e alla tua famiglia!

      1. Grazie mille per l’aiuto!
        Il tessuto che ho acquistato per le fasce non è dell’Ikea, mentre quello per i pannelli si, in effetti ora che li ho entrambi qui davanti vedo che è leggermente più sottile di quello Ikea e molto più morbido. Però direi che non è certo tessuto da lenzuola. L’altezza è 2,80, comodissima!
        Ne ho anche preso uno che invece potrebbe proprio essere da lenzuola, temevo fosse troppo sottile, ma invece allora va bene.
        Ora faccio un paio di prove (appena il cucciolo me lo permette..). Ti farò sapere presto!
        Ancora grazie e tanti auguri anche a voi!

  4. Ho sempre usato fascia lunga e ad anelli e ho provato da pochi giorni il mei tai, cucito seguendo il tuo tutorial da un’amica (che io sono imbranata). Mi piace tantissimo, ti manderò le foto al più presto. GRAZIE per la condivisione!

  5. Ciao, grazie al tuo tutorial e a molte altre info sui mei tai trovate in rete, presto anche “+1” (che nascerà tra qualche mese) potrà godere dell’essere portato… Abbiamo già sguinzagliato la futura nonna e la sua macchina da cucire nella produzione!
    Appena pronto ti manderemo una fotina.

    Mara e “+1”

  6. Ciao grazie mille del tutorial. Io sono al mio secondo MeiTai, il primo realizzato con un altro tutorial che non trovo più. Volevo chiederti due delucidazioni:
    1) perché il pannello dentro deve essere più largo di circa sei cm? se rimane all’interno, che ne faccio dei 6cm in più?
    2) nell’altro mei tai io avevo usato solo due pannelli e inserito l’imbottitura. Le fasce erano fissate ai pannelli, per cui io cucivo il tutto a sandqwich (con le fasce all’interno) e poi ribaltavo il tutto e voila! In questo caso… dalla tua spiegazione sembrerebbe che i pannelli esterni rimangano non rifiniti… o devo orlarli prima?
    Grazie mille!
    Laura
    pecionate.blogspot.it

    1. Ciao Laura!
      Il pannello interno ha margini così larghi perché su quelli si fanno le cuciture di attaccatura delle fasce. Essendo quelle che sostengono il peso del bimbo è meglio che vengano fatte su tessuto doppio. Con l’altro tutorial univi le fasce a due pannelli e quindi avevi già un doppio strato. Quanto alla rifinitura dei margini: quando cuci qualcosa che poi viene “chiuso” non hai il problema di sfilacciature quindi non serve rifinire i margini. Nel mio mei tai si crea una “tasca” dove infilare l’imbottitura quindi è meglio surfilare i margini del pannello che si appoggia a quello dentro, altrimenti rischieresti di tovarti tutti i fili volanti ogni volta che metti o togli l’imbottitura.
      Simpatico il tuo blog! Sono passata a curiosare 🙂 Se hai altri dubbi scrivi pure

  7. sto cucendo un secondo mei tai in versione estiva 😉 e pensavo: come faccio a capire quanti chili può reggere al massimo la stoffa che sto usando? non credo che se chiedessi chi me l’ha venduta sarebbe in grado di rispondere perciò vorrei sapere se esiste un “metodo”, magari, relativamente preciso con cui accertarmi della cosa. grazie e buona domenica 🙂

Lascia anche tu il tuo commento!