Privacy e internet

Posted: 2 Agosto 2011

Approfitto dell’ennesimo grido di allarme scattato oggi su Facebook per parlare di foto, privacy e internet.

L’antefatto: da quanto ho capito una ex- amministratrice di un gruppo si è vendicata di non so quale sgarbo copiando le foto di bambini pubblicate in quel gruppo e nei profili delle utenti iscritte al gruppo e inserendole sotto un falso profilo in un album intitolato “I miei bambini”.

La mia prima reazione, quando ancora non sapevo dello scopo di tale “furto”, è stato un sentimento di pena. Per questa donna che, evidentemente un po’ squilibrata (tutte informazioni dedotte dai commenti) si appropriava delle foto dei figli altrui perché non ne poteva avere di suoi.

Poi ho letto il seguito e gli altri commenti e sono rimasta basita: offese, minacce, denunce. Sì, è vero, appropriarsi delle foto altrui, anche se rese pubbliche è illegale: la foto rimane di proprietà di chi l’ha scattata e se la vuoi copiare devi chiedere il permesso. Quindi la segnalazione su Facebook o anche la denuncia è lecita. E anche lo sdegno perché quello che questa persona ha fatto è, oltreché illegale, anche piuttosto maleducato e stupido.

Ma quello che più mi ha fatto tristezza è stata la “corsa ai ripari”: via tutte le foto dei bambini, via tutti i concorsi in cui si pubblicano foto di bambini, via le pagine fotografiche dai gruppi se ci sono bambini… via da Facebook!

Quando ho aperto il mio blog mi sono chiesta se fosse il caso di pubblicare le foto dei miei figli e i loro nomi. Ho valutato un po’ di ipotesi, ho guardato i blog che frequentavo di più e, alla fine, ho scelto di non avere paura. Più che altro perché penso che non ci sia nulla di cui avere paura.

La “brutta gente” c’è un po’ dappertutto. Di recente è stato arrestato un uomo per molestie ad una bimba proprio qui vicino, lo vedevo spesso in giro, lo salutavo anche. Ma questo e ciò che implica è un discorso troppo ampio e delicato (un film che consiglio è “The Woodsman – Il Segreto” con Kevin Bacon). Il motivo per cui lo scrivo è per dire che la paura dovremmo/potremmo provarla sempre: quando facciamo bancomat potrebbe esserci un impiegato “cattivo” che si copia la parte del filmato in cui si vede anche nostro figlio, il vicino di casa potrebbe avere installato una videocamera di sorveglianza che punta anche sul nostro giardino, un folle potrebbe scattare una foto da una fotocamera nascosta quando lo incrociamo per la strada…

Con l’attuale tecnologia la privacy non esiste più. Forse proprio perché ce ne rendiamo conto è diventato un tema così caro e cerchiamo di difenderlo con le unghie e con i denti, firmando liberatorie per la privacy anche per assistere ad una lettura animata se c’è la telecamera del telegiornale.

Io rispetto chi non vuole pubblicare foto sue o dei suoi figli; quando vendo un mei tai faccio sempre presente che mi farebbe piacere pubblicare una foto del mei tai “in uso” e chiedo sempre se posso mettere anche il nome di mamma/papà e del piccolo. Così come quando nelle foto ci sono i figli dei miei amici. Perché credo che sia un diritto non vederli pubblicati.

Resto però dell’idea che la paura di quello che “sta fuori” sia sempre un po’ triste e un po’ pericolosa: tende ad isolarci, a farci perdere serenità e fiducia.

Quindi io continuerò a pubblicare le nostre foto senza oscurare i volti dei bambini, a mettere foto su Facebook sapendo che, anche se ho l’impostazione della privacy alta, non sono comunque garantita al 100%, invierò le mie foto per il contest di EquAzioni, continuerò a pubblicare le mie foto coi bambini nel gruppo su Facebook “Portare i bambini”

 

 

8 Comments

  • Sibia 2 Agosto 2011 at 22:15

    condivido appieno!!

    Reply
  • Ely 3 Agosto 2011 at 22:25

    Io pubblico (poche) foto dei miei figli, ma non voglio che vengano pubblicate foto da altri. Ho chiesto a una persona di rimuovere foto, scattate durante una festa, da fb del proprio figlio nelle quali compaiono i miei, si è rifiutata. Come posso fare? Non dovrebbe poter pubblicare foto dove compaiono altri minori diversi da i suoi figli.
    Cosa posso fare?
    Grazie

    Reply
    • Tiz 3 Agosto 2011 at 22:56

      Non si possono pubblicare foto di minori senza il consenso dei genitori. Quindi puoi dire a questa “simpatica” persona che o oscura (od offusca) il volto dei tuoi figli in modo che non siamo riconoscibili, oppure le fai presente che potresti anche decidere di denunciarla. Puoi eventualmente informarti con un avvocato (anche la consulenza gratuita dei legali di Altroconsumo penso che ti possa aiutare) o con la Polozia Postale. Non serve sporgere denuncia subito (io sono contraria a queste decisioni drastiche), ma magari una Raccomandata ben scritta potrebbe raggiungere lo scopo.
      Io penso che non sia giusto arrivare a tanto, penso che una persona dovrebbe capire da sola che pubblicare le foto dei figli degli altri contro la loro esplicita volontà non sia giusto… al di là del fatto che è illegale, è eticamente scorretto. Non lasciar perdere, sei tu ad avere ragione. E fammi sapere…

      Reply
  • Mammatrafficona 4 Agosto 2011 at 14:31

    Condivido integralmente quanto scritto nel post! Ormai le uniche due emozioni che sembrano governare il mondo sono la paura e la rabbia….
    Verissimo che con le nuove tecnologie di privacy ne è rimasta pochissima. Proprio oggi parlavamo con mio marito di google street view… andando a vedere i paesi qua intorno si vedono persone che conosciamo immortalate dalla macchina rossa di google mentre escono dal supermercato o si fanno i fattacci loro, la casa dei miei genitori con la porta aperta, la macchina di mio suocero che sta facendo manovra… metti che uno era a spasso con l’amante e si trova immortalato su street view…
    Per le immagini invece sempre google da qualche tempo permette di vedere, caricando una nostra foto, quali siti la stanno usando. Mi sembra una cosa molto utile, così se qualcuno usa foto che non vogliamo possiamo saperlo e chiedere la rimozione

    Reply
    • Tiz 5 Agosto 2011 at 02:29

      Sai che non l’avevo mai guardato? Davo per scontato che di qui non fossero ancora passati, invece hanno mappato tutto! Ho visto il figlio dei miei amici in bici… è vero, il volto è offuscato, ma se conosci la persona non è difficile distinguerla… Ho anche scoperto che sono passati nel pomeriggio, mentre Febe dormiva (le persiane erano abbassate) e io avevo appena fatto la lavatrice di scura… c’erano i maglioni stesi, ma il mio vicino è in terrazza che si fuma la cicca (e intanto guarda l’auto passare… domani glielo dico!) in maniche corte, quindi sarà stato aprile, maggio forse…il ciliegio era ancora vivo…
      Devo dire che è abbastanza impressionante, anche se, lo ammetto, mi piace un sacco! Forse perché preferisco guardare al lato bello delle cose e poter passeggiare virtualmente per il mondo non mi dispiace… nell’attesa di potermi permettere qualche nuovo viaggio vero!
      Bene, adesso mi sa che vado a curiosare in qualche altro angolo di mondo!

      Reply
  • Davide EquAzioni 11 Agosto 2011 at 19:34

    Bellissimo post. condivido tutto. anche noi abbiam fatto gli stessi ragionamenti: pubblicare o no le nostre foto con i nostri volti e i volti dei nostri bimbi? poi abbiamo pensato, ma se anche ci fosse un pervertito che guarda le foto di nostro figlio o se le salva sul pc, in fondo in fondo. cosa può succedere? nulla – a meno che – dopo che se le è guardate per giorni o mesi o anni, impazzisca e voglia venire a casa nostra a farci del male / fare stalking – ma questa è un pò una paranoia alla “Attrazione fatale”… ( e comunque potrebbe succedere anche oscurando le facce – anzi magari incuriosisce ancora di più..)
    Cosa diversa è invece l’uso da parte di altri – che però ha poco a che vedere con timori personali, quanto con questioni di principio, etica e rispetto. Se non me lo chiedi, o se ti dico di no, non puoi e non devi usare le mie foto o mostrare la mia faccia o quella dei miei figli nelle tue foto. punto.
    Anche noi comunque rispettiamo chi, x mille ragioni, non vuole farlo e anche noi continueremo invece a farlo – perlomeno fin quando Ale non ci vieterà di farlo perchè vorrà – e avrà tutto il diritto di – avere la sua privacy. 😉

    Reply
    • Tiz 11 Agosto 2011 at 22:18

      Caro Davide, il vostro blog è stato quello che, in definitiva, ha fatto scattare la mia scelta (e di Andrea perché, ovviamente, ne abbiamo discusso insieme) verso il sì. Mi piaceva vedervi, vedere le foto di Ale e conoscere i vostri nomi, tutto questo vi rende più “autentici”!
      Quanto all'”uso” dell’immagine dei nostri figli… Tabita e Luca sanno già esprimere la loro opinione ed è capitato che per certe cose Tabita mi abbia chiesto di non pubblicarle. Niente di particolare o intimo, cose abbastanza semplici, ma che, evidentemente ha voltuo tenere per sè. E, ovviamente, l’ho rispettata.
      Capita poi che mi chiedano di mettere altre foto nel blog… tra poco inizieranno anche ad aggiungere i loro commenti, mi sa, visto che il blog se lo leggono!

      Reply
  • Phoebe 24 Febbraio 2013 at 08:40

    Sono della medesima opinione, Tiz.
    Peccato per chi non ha di meglio da fare che fare questi atti “illeciti”.
    E come dici tu, non credo ci sia nulla da perdere da parte nostra, anzi, ci perderemmo a limitarci, solo per timore.
    Complimenti per la presa di posizione!
    ciao

    Reply

Rispondi a Ely Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X