Giveaway di EquAzioni

Posted: 10 Giugno 2011

Partecipa al giveaway Equazioni-Bonomi Editore per vincere una copia di Il mio bambino non mi dorme

Il sonno del bambino… ah, l’inevitabile domanda: “Dorme?” La risposta che più mi è piaciuta me l’ha data un’amica al terzo figlio “Sì, tutta la notte” e io… “Davvero?!? Ma non la allatti più?” “Sì, la allatto ancora… … … si attacca due, tre volte per notte, ma mentre mangia dorme”! Ecco, da allora anch’io do la stessa risposta!

L’unico libro che ho letto sul sonno del bambino è stato il famigerato “Fate la nanna di Estivill” di cui parlerò, prima o poi. Ma alla fine dei conti mi sono sempre affidata alla cultura popolare e al buon senso, senza pensare che un bimbo di un mese possa dormire da solo per tutta la notte, ma sempre accogliendo con gioia (e con qualche “spintarella”) la conquista di autonomia dei miei figli…

Questo libro, “Il mio bambino non mi dorme”, mi incuriosisce… mi sa che finirò per comprarlo se non riuscirò a vincerlo…

Contribuendo a diminuire le mie chances di vittoria vi invito tutti a partecipate numerosi al Giveaway di EquAzioni!

2 Comments

  • sara 13 Luglio 2011 at 10:20

    Ho letto anch’io “Fate la nanna” quando mi pareva che Francesco (mio primo figlio che ora ha sei anni) non dormisse tutta la notte. Si svegliava una o due volte a notte per attaccarsi al seno cinque minuti e riprendere a dormire, verso i due anni stremata più dai commenti dei parenti che dal ritmo delle notti, ho cercato consigli su come farlo dormire e mi sono imbattuta nel famigerato manualetto. Me ne avevano parlato non proprio in modo lusinghiero ai corsi preparto del Melograno, ma la parte che ricordo meglio riguardava appunto i bambinidi due anni e consigliava di lasciarli nella loro cameretta e di non farsi vedere, ma di parlare loro per tranquillizzarli, ma se questo non bastava e il bimbo scendeva dal letto, bisognava fare una piccola barricata davanti alla porta perchè non uscisse e lasciarlo piangere finchè desistesse… a questo punto viene la parte migliore: “se il bimbo vomita, non preoccupatevi, … a me è bastato!
    Ora che ho Martina di 20 mesi so che Francesco DORMIVA ma non preoccupo più…

    Reply
    • Tiz 17 Luglio 2011 at 01:09

      Dovrei rileggerlo… perché certe cose, come la barricata, non le ricordo. In effetti sono passati 10 anni…
      Ma l’esperienza di tre figli ora mi basta per sapere che non esiste manuale che tenga: ogni bambino fa storia a sè, noi stessi siamo diversi nei loro confronti perché viviamo situazioni differenti e perché le esperienze ci cambiano. Con questa premessa è chiaro che non esiste una ricetta o un metodo che possa andare bene per tutti. Magari funziona, ma si tratta di una forzatura che forse non creerà danni irreparabili, ma di certo porta via risorse ed energie…

      Reply

Rispondi a sara Annulla risposta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X